Cassiel, l’Arcangelo di Saturno

Andando a ritroso nel tempo, incontriamo la Bottiglia 113 dell’Arcangelo Cassiel. Unisco in questo articolo due post del blog Aura Soma, che linkerò in fondo.

Nuova Equilibrium: Arcangelo Cassiel
Aurin – 07/09/2015
Cari Amici,
speriamo che abbiate passato una meravigliosa estate rigenerante e serena.
Oggi nel nostro giorno di ri-apertura post ferie estive, abbiamo una bellissima novità da comunicarvi:
E’ nata una nuova bellissima Equilibrium!!!
Ecco qui la descrizione di Mike Booth.

Arcangelo Cassiel
B113 – Verde smeraldo/Oliva media tonalità
Nata alle 8 (ora inglese) del 5 Settembre 2015

L’Arcangelo Cassiel è associato a Saturno. Cassiel governa il Sabbath, o giorno del riposo, la pausa di riflessione nella nostra settimana. La combinazione di Verde smeraldo/Oliva media tonalità integra il viaggio dal plesso solare verso il cuore. Ci dona l’opportunità di effettuare quella transizione ad un nuovo livello di speranza, mentre lasciamo andare i dispiaceri del passato. I risentimenti e le amarezze vengono trasformate, non in pensieri desiderosi ma in un nuovo senso di speranza.

Cassiel viene spesso considerato come l’Osservatore, colui a cui potremmo pensare, secondo la prospettiva Aura-Soma, della stessa energia che percepiamo nel Corallo o nel Corallo chiaro. In un certo senso Cassiel osserva piuttosto che essere attivo o intervenire nelle circostanze dell’esistenza umana, a meno che egli non sia chiamato. Nei testi cabalistici viene evidenziato che Cassiel non è autorizzato ad interferire nel regno umano.
Ciò che è realmente importante, in una prospettiva Aura-Soma, è che noi abbiamo bisogno di supporto, specialmente in quest’epoca, affinché la verità che abita i nostri cuori possa connettersi all’osservazione, al “non sapere”. Questa potrebbe sembrare un’affermazione complicata ma nei fatti è molto semplice. Sapere di “non sapere” è fondamentale. E’ qualcosa che apre la porta alla gratitudine, attraverso un senso di vuoto fino ad un senso profondo di qualcosa che va oltre l’Amato, la sorgente dell’amore nell’esistenza. In quest’epoca Cassiel rappresenta qualcosa di quest’energia, come noi possiamo interagire con questa energia per noi stessi attraverso una ri-valutazione dell’IO SONO.

Nasce una nuova prospettiva di fiducia in se stessi, a livello spirituale.

Cassiel è anche un Arcangelo collegato ai livelli profondi delle memorie cellulari, in particolare la memoria cellulare della matrice o delle sovrastrutture che corrispondono a schemi di tensione, che hanno generato la modifica del cuore. Se noi riusciamo ad immaginare Cassiel come un amore che “va oltre ogni comprensione”, un amore che è assolutamente senza limiti (sconfinato), Cassiel potrà aiutarci a liberarci del nostro male al cuore, del nostro senso di tradimento o di dispiacere.

Nella tradizione cabalistica Giudaico-Cristiana l’Arcangelo Cassiel è stato molto invocato e si è lavorato molto con lui. E’un Arcangelo senza connotati specifici per come è espresso in tutti i testi. E’scritto che Cassiel sia un Arcangelo solitario, solitamente non associato ad altri Arcangeli. Solo e melanconico Cassiel disperde lacrime di rilascio e attraverso una profonda tristezza dona un nuovo senso allo spazio e al posto. La colomba porta via con sé ciò che ci preoccupa nell’arena della vita. Quando la direzione diviene più chiara, le nostre difficoltà vengono trasformate dalla profondità dell’amore.

Un aspetto della funzionalità di Cassiel è un senso di profonda solitudine e isolamento mentre ci avviciniamo alla verità del cuore, secondo la lingua inglese è simile a “all-one-ness” “tutto è uno”. Questo appartiene all’energia di questa combinazione. L’unificazione, la nuova nota chiave spirituale, un sentimento di unità oltre alla tradizione o alla forma.

Possiamo anche vedere Cassiel come un Arcangelo del Fuoco, un fuoco di purificazione, un fuoco di creazione originale. Voglio menzionare ora che c’è un senso di Nuovo inizio in Aura-Soma, lo stesso impulso che era presente agli inizi. Un risuonare della nota Do nell’ottava attraverso la quale Aura-Soma ha avuto inizio, per ri-stabilire il nuovo inizio nel sistema di Aura-Soma. Ci sono numerose sincronicità con questo, troppe per descriverle qui, ma sia sufficiente dire che questo Arcangelo giunge per supportarci nel ri-stabilire l’impulso che ha portato in essere Aura-Soma; ciò che è stato dato a Vicky Wall, ciò che fu ispirato attraverso di lei, in quel suono del Do, oltre trent’anni fa. Suona ancora ad un altro livello con l’ispirazione portata da Cassiel.

E’ anche importante menzionare che Cassiel può apportare equilibrio agli aspetti maschile/femminile all’interno di noi stessi, la luce e il buio. La saggezza e benedizione che risiedono nei livelli più profondi del nostro essere.

Cassiel può essere visto in molte immagini come un Re che cavalca un drago e anche come una figura simile a quella dipinta sulla carta del Tarocco dell’Eremita, per cui è interessante che questo Arcangelo sia nato sotto il segno della Vergine. Egli è collegato all’Arcangelo Sandalphon. Così come Sandalphon, nel processo dei bambini che giungono in questo mondo e poi se ne vanno, viene spesso visto come un angelo delle lacrime, ciò è vero anche per Cassiel.

Il suo giorno della settimana è Sabato e così come diciamo che Anubis è un guardiano fra questo mondo ed il successivo, possiamo anche pensare a Cassiel condividere questo ruolo. Un’interessante referenza che mi viene in mente è che egli è il governatore del Settimo Cielo, il più Santo dei Cieli che ospita il Trono della Gloria nel quale dimorano anche gli altri sette Arcangeli planetari. L’era di Saturno, di antica e profonda saggezza, finché Saturno non si avvicinò troppo al sole. Gli anelli che si formarono nella rapida evaporazione gassosa che accadde quando le calotte glaciali si sciolsero ad un ritmo accelerato.

Il suo lavoro è collegato al karma, per aiutarci nella condensazione degli insegnamenti karmici, e con l’agricoltura, per aiutarci a manifestare nuovi metodi per l’agricoltura che implichino un’attitudine rispettosa verso l’essere della Terra. earth.

Il suo compito è anche collegato alla meditazione, così come ad aiutarci nella comprensione della relazione fra tempo e morte.

C’è un certo grado di attenzione relativo a Cassiel che potremmo definire fiducia nel sé spirituale, un senso di fiducia che proviene dalla comprensione della vera natura del proprio valore. Può sembrare quasi contrario o paradossale parlare di fiducia nel sé spirituale quando all’inizio di questo scritto ho menzionato il senso di “non sapere” piuttosto che sapere. Forse da qualche parte sapere che noi “non sappiamo” ci dà il senso di aver fiducia nella nostra stella, fiducia nell’essenza di noi stessi e di come ciò sia collegato all’apertura, attraverso l’oliva, verso il cuore. Questo in effetti diviene parte della comprensione che Cassiel ci porta, in questo momento del tempo.

Nel sistema Aura-Soma noi definiamo la bottiglia 10 verde/verde, come il karma: come seminate così raccoglierete. Noi possiamo pensare a questo come a ciò che sperimentiamo ora, come una conseguenza delle nostre azioni nel passato, e ciò che noi facciamo ora creerà le conseguenze per ciò che dobbiamo ancora divenire. E’ anche importante che noi pensiamo alla verità come a qualcosa che porta gioia e celebrazione. Parte del compito di Cassiel come osservatore non sta nell’avere un’opinione simile al giudizio, ma piuttosto allietarci nel vedere ciò che viene osservato, qualunque cosa esso sia. Gli scenari che appaiono nella mente ricevono lo spazio per rivelare il cielo azzurro in essi nascosto.

L’animale associato a Cassiel è il corvo, o corvo imperiale che, nella tradizione Druida, è molto associato all’energia cristica, oltre a molte altre influenze.

Cassiel governa le persone anziane, rispetto alla volontà e alla morte. Il fiore più spesso associato a Cassiel è il giglio bianco e anche il fiore preferito da Vicky: la viola.

Io credo che energeticamente sarà molto inconsueto a causa della particolare combinazione di pietre che sono state richiamate nelle tinture spagiriche. Sorpreso di vedere riuniti turchese e ossidiana, una combinazione molto interessante, così come il diamante e l’onice. Un’altra pietra che è veramente importante in relazione a Cassiel è lo zaffiro, specialmente quello azzurro chiaro o medio. E’ un’energia che collega l’Arcangelo con altre qualità che altrimenti sarebbero nascoste.

E’ una pietra che può veramente aiutare a portare un senso di abbondanza, lasciar andare il nostro senso di perdita o di quello che trattiene gli schemi che ci impediscono la possibilità di una vita nell’abbondanza.

Cassiel ci offre anche la possibilità di andare in meditazione profonda al fine di pulire gli schemi karmici, verso una visione più illuminata per aiutarci ad esprimere la nostra profondità spirituale.

Cassiel può aiutare a sviluppare la chiaroveggenza. Quando pensiamo ai colori Smeraldo e Oliva noi non li assoceremmo immediatamente alla qualità della chiaroveggenza, ma pensate in termini della nostra comprensione della consapevolezza panoramica, essere in grado di vedere cose che sono aldilà dei limiti della nostra posizione. La chiaroveggenza e consapevolezza dell’essere in grado di mettersi nei panni di un altro è il tipo di chiarezza che Cassiel porta, per aiutarci ad entrare veramente in contatto con la nostra intuizione più profonda.

Possiamo pensare a questo Arcangelo non solo in termini di Temperanza (113 = 14) ma anche e in modo particolare in relazione a come Cassiel possa supportarci nell’esprimere la nostra verità, sia su un piano individuale sia in un contesto pubblico, attraverso l’espressione della saggezza che giace dentro di noi e che può equilibrare la mente analitica con l’intuizione più elevata. Il supporto per esprimere se stessi con calma e integrità, di esprimere con pacatezza ciò che si trova ai livelli più profondi di saggezza interiore.

Noi non saremmo portati a pensare all’efficacia del verde smeraldo e dell’oliva tonalità media in relazione al chakra della gola, eppure questa particolare combinazione sarà molto utile nel ripulirci da blocchi e ostacoli in relazione alla nostra abilità di parlare con chiarezza e di esprimere la nostra verità interiore.

Cassiel ci incoraggia a cercare la solitudine, affinché noi possiamo entrare in contatto con i livelli più profondi dell’esperienza meditativa. Trovare il silenzio nella solitudine dello spirito è il modo in cui noi possiamo lasciar andare gli schemi karmici.

Cassiel è un Arcangelo che apporta salute e che ci aiuta ad entrare in contatto con la bellezza che proviene dall’essenza interiore, l’essenza più profonda di noi stessi. Quando noi pensiamo a come la bellezza sia un’espressione dell’intenzione e dell’attitudine che risiede dentro di noi, Cassiel può aiutarci ad entrare in contatto con tutto ciò. I nostri schemi del passato in relazione alle nostre attitudini collegate alla perdita, che impediscono alla bellezza dell’anima di realizzarsi o di divenire, potranno essere da noi accantonati. Cassiel ci accompagna verso un nuovo senso di verità e di stupore per l’abbondanza che la vita può offrirci.

In un paragrafo precedente ho fatto riferimento a Cassiel come all’Eremita dei tarocchi, associato astrologicamente alla Vergine. La carta della Temperanza in molte immagini dei tarocchi, si riferisce in modo molto intimo ad un altro aspetto di Cassiel, che viene anche conosciuto come l’Angelo della Temperanza. Nell’immagine molto spesso l’Angelo della Temperanza sta con un piede nell’acqua e un piede sulla terra, simboleggiando gli aspetti conscio ed inconscio che sono parte della comprensione di Cassiel. Questo ci dà un’idea del processo alchemico, il versare il fluido dorato da una tazza ad un’altra.

Cassiel è anche conosciuto per essere l’Angelo della Serenità.

Uno degli attributi di Cassiel è che egli/ella ci permette di divenire più indipendenti rispetto all’identificazione con le forze delle maree lunari, piuttosto che essere soggetti ad esse.

Cassiel ci supporta nel seguire la nostra verità interiore e ciò ci aiuta ad essere al posto giusto nel momento giusto e in particolare a trovare il nostro modo di connetterci con il Divino, il giusto posto sulla Terra, fare ciò che dobbiamo fare per connetterci con il piano Divino, ciò che avevamo concordato prima di incarnarci.

Cassiel ha anche la reputazione di essere utile a coloro che hanno “paura dell’acqua”, che si accorgono di non amare l’acqua. Cassiel è di aiuto per le imbarcazioni e nei viaggi per mare. E’ strano come alcune di queste attribuzioni siano efficaci, specialmente se consideriamo che siamo fatti per 7/10 di acqua e di cosa dunque abbiamo paura, che ci impedisce di realizzare la nostra verità?

~~~~~~~~~~~~~

Equilibrium 113 Arcangelo Cassiel

Verde Smeraldo/ Oliva Tono di Mezzo

Si scuote: come Verde profondo

Nota chiave: Consapevolezza che viene ispirata dall’amore

Nota chiave estesa: Mentre osserviamo è allora che una nuova direzione e un nuovo spazio si aprono attraverso il lasciar andare.

Affermazione: Mi trovo lo spazio per poter fare ciò che deve essere fatto.

Posizione nell’Albero della Vita: Tra Binah e Geburah, Sentiero del Carro.

 

Fonte: Blog Aura Soma, Presentazione bottiglia – Nuove informazioni

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: