Before Time Was

Ho preso un CD bellissimo all’Incantesimo Studio di Cattolica (Auguri Katia! Felice Yule!)
Si intitola Blessed Be, e contiene tre brani Wiccan in inglese:
1) Cast the Circle, x l’apertura del Cerchio.

La prossima settimana pubblicherò il testo intero.

Inizia con "Cast the Circle thrice about to keep unwanted spirits out"
e finisce con "Mind the Threefold Law you should: three times bad and three times good".
2) Mystery of the water, ispirato all’Incarico della Dea.
Settimana prossima pubblicherò anche quello, insieme al testo integrale dell’Incarico.
3) Before Time Was, sulla cosmogonia Wiccan.
Il testo del brano in inglese non  l’ho sottomano e quindi lo pubblicherò insieme agli altri,
ma ho trovato il brano in italiano corrispondente e quindi inizio con quello. Buona lettura.
 
Prima che il tempo fosse

Prima che il tempo fosse, c’era l’Uno; l’Uno era tutto e tutto era l’Uno. E la vasta espansione nota come l’universo era l’ Uno, onnisciente, onnipresente, totopotente, eternamente cangiante. E lo spazio si spostò.
L’Uno modellò l’energia in due forme gemelle, uguali ma opposte, creando il Dio e la Dea dall’Uno e dell’Uno.
La Dea e il Dio si estesero e diedero grazie all’Uno, ma l’oscurità li circondava. Erano soli, assicurazione solitaria per l’Uno. Così trasformarono l’energia in gas e i gas nei soli e i pianeti e le lune. Sparsero per l’universo globi giranti e così a tutto fu data forma dal Dio e dalla Dea.

La luce sorse e il cielo fu illuminato da un miliardo di soli. E il Dio e la Dea soddisfatti del proprio lavoro, si allietarono e si amarono, e furono Uno.
Dalla loro unione furono liberati i semi di tutta la vita, e della razza umana, così che potemmo ricevere incarnazione sulla Terra.
La Dea scelse la luna come suo simbolo, e il Dio il sole come suo simbolo, per ricordare agli abitanti della Terra della loro creazione. Tutti sono nati, vivono, muoiono e rinascono sotto il Sole e la Luna; tutte le cose passano sotto tutto ciò, e tutto accade con la benedizione dell’Uno, così come è stata la via dell’esistenza prima che il tempo fosse.

Divinità nel culto Wicca

Tutte le religioni sono strutturate su una reverenza di un Dio. La stregoneria non fa eccezione.
Le streghe riconoscono una potenza suprema divina, che non è possibile conoscere, decisiva, da cui tutto l’universo fu creato.
Ogni divinità che ha ricevuto adorazione su questo pianeta esiste con l’archetipo di Dio e Dea.
Il complesso Pantheon delle divinità che nacquero in molte parti del mondo sono semplici aspetti dei due. Ogni Dea è residente nel concetto di Dea, ogni Dio nel Dio.

La stregoneria rispetta queste due divinità gemelle per il loro legame con la natura. Poichè la maggior parte (non certamente tutta) della natura è divisa in due generi, le divinità che la manifestano sono similiarmente appresi.

Nel passato, quando la Dea e il Dio erano reali quanto la luna e il sole, riti di devozione e adorazione non erano strutturati, ma spontanei, un unione gioiosa con il divino.
In seguito, i rituali seguirono il corno del sole attraverso il suo anno astronomico (e attraverso le stagioni) così come al mensile crescere e decrescere della luna.
Oggigiorno riti simili sono osservati dai wiccan, e la loro regolare pratica crea una vicinanza vera, magica con quelle divinità e le potenze dietro di loro.

Fortunatamente, non dobbiamo aspettare un’occasione rituale per ricordarci della presenza degli Dei.
La visione di un bocciolo perfetto in un campo di terra nuda, può provocare in noi la creazione di sentimenti che rivaleggiano quelli dei più potenti riti formali.
Vivere nella natura rende ogni momento un rituale. Le streghe sono a loro agio nella comunicazione con gli animali, piante e alberi. Loro sentono le energie nelle pietre e nella sabbia, e permettono ai fossili di parlare del loro inizio primitivo. Per alcune streghe, guardare il sole e la luna sorgere e tramontare ogni giorno è un rituale esso stesso, perchè questi sono i simboli del Dio e della Dea.

Poichè le streghe vedono le divinità nelle natura, molte di noi fanno parte della salvaguardia ambientale della Terra contro la distruzione della stessa dalle nostre mani. La Dea e il Dio ancora esistono, così come hanno sempre esistito, e per onorarli, noi onoriamo e preserviamo il nostro prezioso pianeta.

Quando visualizziamo la Dea e il Dio, molte streghe li vedono come divinità ben note di antichi culti. Diana, Pan, Iside, Ermes, Hina, Tammuz, Ecate, Ishtar, Cerridwen, Thoth, Tara, Aradia, Artemide, Apollo, Kanaloa, Bridget, Elio, Era, Cibele, Maui, Ea, Athena, Marduk – la lista è virtualmente infinita.
Molte di queste divinità, con le loro storie corrispondenti, riti, e informazioni mistiche, forniscono il concetto di divinità per le streghe.

Alcuni trovano piacevole l’associazione di alcuni nomi e forme con la Dea e il Dio, sentendo che non possono rispettare un essere divino innominato. Altri trovano una mancanza di nomi e costumi una confortevole mancanza di limitazioni. Alcuni,includendo me stesso, semplicemente chiamano il Dio e la Dea, senza invocare un particolare aspetto o nome. Li visualizzo, ho la mia speciale immagine di cosa sono per me il Dio e la Dea.
Questo lo terrò però per me, credo sia privato e personale.

In apparenza gli dei sono esattamente come noi vogliamo che siano, perchè loro sono tutti gli Dei che ci sono sempre stati. La Dea e il Dio sono totipotenti perchè sono creatori di tutto il manifesto e non manifesto esistente. Noi li contattiamo e comunichiamo perchè una parte di noi è in loro e loro sono in noi. (S. Cunningham)

dal sito www.stregadellemele.it

 
 
 
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...